Passa ai contenuti principali

Post

Acconciature e Tagli di capelli

Non c’è limite in questo caso, forse hai già un look bon ton. In caso contrario, trasformare i tuoi capelli è semplice. Puoi acconciarli per un'occasione speciale o scegliere un taglio che stravolga il tuo aspetto.
Fai la frangetta. Non troppo corta.



Metti tra i capelli,a scelta, un fiocco, un cerchietto o un fermaglio.



Acconcia i capelli in onde, treccie e falli mossi.



Taglia i capelli a caschetto, saranno eleganti e sbarazzini!


La chioma in ordine è molto importante. Se sei riccia, definisci i tuoi capelli

Lo stile bon ton non è per tutte

Parto schietta e dal presupposto che la femminilità non è una caratterista che certe donne amano sottolineare in loro. Gusti, carattere, insicurezza, qualunque cosa sia a far ripudiare il loro lato raffinato e femminile, non mi rivolgo alle citate donne, ma a chi, attratta dal bon ton, non potrebbe mai rinunciare a:





Tinture dai colori sgargianti e pazze. In verità non sono proprio da bandire. E ne parlerò più avanti, nel capitolo “Tinture per capelli”.


La vita bassa è out. Nello stile bon ton la vita di gonne, vestiti e pantaloni, è preferibile media o alta.


La nail-art è un'opera d'arte, ma se bon ton vuoi essere, cerca di avere unghie curate, non troppo lunghe e di forma classica che non prendano tutta l'attenzione dell'outfit.

LEGGI IL PROSSIMO CAPITOLO

Audrey Hepburn: chi è, curiosità

Potevo non dedicare il primo capitolo di questa seconda guida alla matriarca del Bon Ton? Per chi non la conoscesse a fondo, un riassunto della sua vita.

Audrey Hepburn nacque il 4 maggio del 1929 a Bruxelles, in Belgio. Era del segno zodiacale del toro. Sono donne concrete le toro, pacate, testarde, fidate, sensibili, ma non eccessivamente emotive e, molte volte, grazie al pianeta venere che domina il segno, sono di grande bellezza. Caratteristiche che Audrey incarnava.

Era alta 1,70 circa, magra e slanciata. Gli animatori della splendida fiaba de "La bella addormentata nel bosco" del 1959 si sono ispirati al suo fisico, alla sua grazia per disegnare la principessa Aurora.


Figlia di un banchiere e di un'aristocratica di nazionalità olandese aveva due fratellastri che la madre ebbe da un altro matrimonio. Dopo il divorzio dei suoi genitori, con la madre si stabilì ad Arnhem, in Olanda. Allora era occupata dai nazisti che portarono la popolazione alla carestia e, per con…